Rivoluzione Industriale 4.0, dalle tecnologie IoT al BigData Analysis

L’industria 4.0 o Industry X.0 è un il nuovo modo di organizzare la produzione. Si tratta di una catena produttiva tutta digitale formata da prodotti ed ecosistemi altamente intelligenti, interconnessi tra loro, analisi complesse attraverso Big Data, che richiedono competenze specifiche.

Non è un azzardo definirla Rivoluzione Industriale 4.0 perché si pone alla base dei profondi cambiamenti culturali operati attraverso la diffusione delle tecnologie IoT. Come singoli consumatori, infatti, siamo ormai abituati ad uno stile di vita altamente digitalizzato, e anche a livello di produzione le aziende stanno facendo i conti con questa nuova forza lavoro che può definirsi “digitalizzata” e in molti casi “nativa digitale” , ma che spesso manca di competenza specifica. Per le aziende, dunque, non è solo importante affrontare il “perché” della digitalizzazione industriale, ma anche, e soprattutto, il “come“.

 

Ogni impresa, infatti, sarà, prima o poi, costretta a seguire questo nuovo modo di produrre. Ma come si traduce in termini di cambiamento e guadagno?

 

Il presupposto è che si parla di un segmento con un valore di mercato notevole, Una ricerca di Markets&Markets, una società di ricerca B2B statunitense, si spinge a stimare un valore complessivo di 152,31 miliardi di dollari entro il 2022, con un tasso di crescita annuo composto (crescita percentuale anno per anno) del 14.72%.

In Europa sono scattati una serie di progetti a regia governativa per trasferire la«quarta rivoluzione industriale» sul tessuto imprenditoriale, con obiettivi abbastanza simili. Si tratta per lo più di incentivi fiscali e investimenti. Il ritardo da colmare, comunque, non è tanto sulle infrastrutture quanto sul capitale umano: come accennavamo sopra, mancano manager e professionisti con le qualifiche adatte.

 

Per questo, per ridefinire in maniera corretta il proprio business, i propri processi produttivi, è necessario rivolgersi a professionisti del settore IoT.

Condividi:

Comments are closed.